Fandom

NarutoPedia

Isobu

1 888pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Isobu [1][2]
Isobu.png
(磯撫, Isobu)
Tricoda (三尾, Sanbi)
Tartaruga gigante (巨大亀, Kyodaigame)
Debutto
Manga Naruto capitolo 317
Anime Naruto Shippuden episodio 92
Doppiatori
Giapponese Shigenori Soya
Informazioni
Specie Tartaruga
Forza Portante Rin Nohara (in passato)
Yagura (in passato)
Naruto Uzumaki
Classificazione Cercoterio
Fedeltà Kirigakure Symbol.svg Villaggio della Nebbia
Famiglia
Famiglia Hagoromo Otsutsuki (creatore)
Alterazioni delle Proprietà
Elementi Nature Icon Water.svgNature Icon Yin.svg
Tecniche
Teriosfera
Genjutsu
Pugno di corallo

Isobu (磯撫, Isobu) è il demone a tre code, uno dei nove Cercoteri. Lui era stato sigillato in Yagura del Villaggio della Nebbia.

Storia

Passato

Isobu viene creato insieme agli altri otto cercoteri dal chakra dello Shinju da Hagoromo Otsutsuki poco prima di morire.

Poco dopo la nascita dei primi villaggi ninja, Isobu viene catturato da Hashirama Senju che poi lo cede insieme a Saiken al Villaggio della Nebbia, dove è stato sigillato decenni dopo dentro Yagura e prima ancora in Rin Nohara.

Isobu a differenza degli altri cercoteri dopo la morte di Yagura è rimasto libero.

Seconda Parte

Nell'anime, nel tentativo di cattura da parte di Orochimaru, Isobu viene controllato da Yukimaru attraverso un legame non ben specificato. Isobu viene catturato dall'Organizzazione Alba che lo sigilla nella Statua Diabolica.

Aspetto

Isobu ha l'aspetto di un enorme tartaruga corazzata.

Abilità

Isobu usa l'Arte dell'Acqua, inoltre può trasformare in corallo ciò che colpisce. Nell'anime si è mostrato in grado di creare delle illusioni attraverso una nebbia. Come tutti i cercoteri può utilizzare la Teriosfera.

Riferimenti

  1. Sha no Sho, pag. 198-199
  2. Jin no Sho, pag. 148-151

Inoltre su Fandom

Wiki a caso