Fandom

NarutoPedia

Madara Uchiha

1 889pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione9 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Madara Uchiha [1][2]
Madara img2.png
(うちはマダラ, Uchiha Madara)
Seconda delle Sei Vie (二人目の六道, Futarime no Rikudō)[3]
Messia (この世の救世主, Kono Yo no Kyūseishu)[4]
Fantasma degli Uchiha (うちはの亡霊, Uchiha no Bōrei)[2][5]
Debutto
Manga Naruto capitolo 370
Anime Naruto Shippuden episodio 130
Game Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 3
Doppiatori
Giapponese Naoya Uchida
Informazioni
Compleanno 24 Dicembre
Stato Deceduto
Altezza 179 cm
Forza Portante Decacoda
Abilità Innata Sharingan Triple.svgMangekyō Sharingan Madara.svgMangekyō Sharingan Madara (Eternal).svgRinnegan.svgMangekyō Sharingan Kakashi.svgNature Icon Wood.svgNature Icon Storm.svg
Abilità Massima Rinne Sharingan.svg
Classificazione Ninja Traditore
Ninja Sensitivo
Occupazione Cofondatore del villaggio della Foglia
Capo del clan Uchiha (in precedenza)
Fedeltà Konohagakure Symbol.svg Villaggio della Foglia(in precedenza)
Clan Uchiha Symbol.svg Clan Uchiha
Famiglia
Famiglia Tajima Uchiha (padre)
Izuna Uchiha (fratello)
Indra (vita precedente)
Alterazioni delle Proprietà
Elementi Nature Icon Fire.svgNature Icon Wind.svgNature Icon Lightning.svgNature Icon Earth.svgNature Icon Water.svgNature Icon Wood.svgNature Icon Storm.svgNature Icon Yin.svgNature Icon Yang.svgNature Icon Yin–Yang.svg
Tecniche
Nature Icon Fire.svg-Fiamma Sterminatrice
Nature Icon Wood.svg-Crescita Rigogliosa
Nature Icon Wood.svg-Moltiplicazione Lignea del Corpo
Nature Icon Wood.svg-Propagazione Floreale
Gudodama
Izanagi
Tsukuyomi Infinito
Susanoo
Rinbo
Chibaku Tensei
Tengai Shinsei
Nature Icon Yin.svg Arte Eremitica: Arte dell'Ombra Invio di Fulmini
Nature Icon Storm.svg Arte Eremitica: Arte della Tempesta Zanna di Luce
Materializzione della Volontà
Sei Vie Bara del Decacoda
Armi
Gunbai
Kusarigama
Katana
Gudodama

Madara Uchiha (うちはマダラ, Uchiha Madara) era il capo del Clan Uchiha il quale era in contrasto con il clan Senjiu ai tempi della fondazione del Villaggio della Foglia che è stata fondata dall'unione dei due clan, e considerato il più forte Uchiha della storia.

Storia

Nato in un'epoca in cui i villaggi non esistevano ed i vari clan ninja erano in lotta tra loro, Madara si distinse nel suo clan per il possesso di un chakra

Madara apperance.PNG

Madara da bambino.

particolarmente forte e una particolare bravura in tutti i jutsu. Sin dagli albori fu in rivalità con suo fratello Izuna Uchiha anche se, era disposto a dare la vita per suo fratello. Durante il periodo della lotta tra i due clan, in eta ancora adolescenziale incontro Hashirama Senju, i due divennero fin da subito migliori amici. Tuttavia, appartenendo a due clan diversi, il rischio di diventare dei disartori era alto, dunque Madara decise, ignorando il comando del padre secondo il quale doveva tradire Hashirama per ottenere informazioni sui Senjuu di chiudere la loro amicizia, risvegliando inoltre lo sharingan. Madara e Izuna passarono gli anni ad'allenarsi duramente, spinti dal desiderio di aumentare la propria forza al fine di proteggere il Clan, risvegliarono per primi nel Clan Uchiha un potere superiore allo Sharingan, lo Sharingan Ipnotico. Con il passare del tempo, grazie a questa sua abilità oculare ed all'appoggio del fratello, riuscì ad assumere il comando del Clan.

Tuttavia l'utilizzo prolungato dello Sharingan Ipnotico rivelò a Madara il punto

Hashirama VS Madara.png

Madara e Hashirama si scontrano sul campo di battaglia.

debole di quest'abilità, consistente in una progressiva perdita della vista, fino ad arrivare alla cecità. Ma prima che ciò accadde del tutto, durante uno scontro tra i due clan, Izuna fu gravemente ferito da Tobirama, fratello di Hashirama. A quel punto Hashirama offrì la tregua ed in cambio avrebbe curato il fratello, ma Izuna disse a Madara di non fidarsi, così fuggirono. Senza cure, Izuna morì, non prima di aver offerto i suoi occhi a Madara in modo che continuasse a guidare gli Uchiha. Il trapianto degli occhi del proprio fratello gli permise di acquisire, primo tra gli Uchiha, lo Sharingan Ipnotico Eterno, una nuova arte oculare che non aveva più l'effetto collaterale della perdita della vista.

Furioso per il sacrificio di suo fratello, l'odio nei confronti dei Senjiu crebbe, cosi affronto in una battaglia definitiva Hashirama con tutto il suo potere nella speranza di vendicare il fratello, tuttavia alla fine Madara fu sconfitto, ma Hashirama si rifiuta di infliggerli il colpo di grazie e li supplica un'alleanza tra i due clan, per evitare che venga versato altro sangue, Madara però decide di accettare la sua proposta solo nel caso Hashirama uccida suo fratello o uccida se stesso, in modo che provi il dolore che ha provato lui. Hashirama, disposto a sacrificarsi per l'alleanza è pronto a uccidersi ma Madara, alla fine, impedisce ad Hashirama di togliersi la vita e accetta la sua offerta, la guerra si concluse in una tregua e decisero di fondare assieme il Villaggio della Foglia nel Paese del Fuoco, spronati in tale direzione dal Daimyo locale. Tempo dopo il villaggio elesse Hashirama come Primo Hokage con grande disappunto di Madara, che iniziò a temere che gli Uchiha sarebbero stati sterminati dai Senju. Durante questo periodo fu un ninja di Konoha ed avvicinò Mu ed Onoki informandoli che, nonostante l'alleanza stretta con Konoha, il suo villaggio sarebbe rimasta la potenza dominante e che da quel momento in poi, avrebbero obbedito alla volonta della Foglia. In seguito li sconfisse entrambi.

Senju & Uchiha truce.png

Konohagakure viene formata.

Realizzando di non poter ottenere il titolo di Hokage cercò di convincere gli Uchiha ad opporsi alla nomina. Ma gli Uchiha lo rinnegarono e Madara abbandonò il villaggio, salvo poi ripresentarsi in cerca di vendetta tempo dopo al comando della Volpe a Nove Code. Hashirama e Madara si affrontarono in un'ultima epica battaglia nella Valle dell'Epilogo ma, a causa di Mito Uzumaki (che sigillò in sé la Volpe), non riuscì a sconfiggere il rivale e Hashirama lo uccise a fine dello scontro.

Madara con il rinnegan.png

Madara con il rinnegan

Ma, Madara aveva tenuto da parte una tecnica, Izanagi, per sopravvivere, e visto che durante lo scontro era riuscito ad ottenere il DNA di Hashirama, che si impianta risanando le ferite. Anche se non accadde nient'altro dopo il trapianto, non appena la sua vita arriva alla sua fine naturale il Rinnegan si risveglia nei suoi occhi. Oltre all'arte oculare acquisisce anche l'Arte del Legno e, con sia DNA Uchiha che Senju, l'abilità di evocare la Statua Diabolica. Utilizzando l'arte del legno e il potete della Statua Diabolica, Madara trascorre ancora molti anni prima di morire. In seguita trapianta il suo Rinnegan negli occhi di un giovanissimo Nagato senza che questi se ne accorga e ripristina il suo occhio sinistro con uno Sharingan. Anni dopo, quando incontra un giovane Obito, Madara si è ridotto ad usare la Statua come sistema di supporto vitale, ricevendo costantemente chakra per evitare di morire. Inoltre, dalle cellule prese ad Hashirama, Madara ha usato la Statua per coltivare un clone vivente del suo rivale.

Durante la Terza Guerra Mondiale Ninja, salva Obito Uchiha, sopravvivssuto all'attacco al ponte di Kannabi, sostituendo la parte mancante del suo corpo con masse artificiali coltivate dal clone di Hashirama; dice inoltre ad Obito che avrebbe ripagato lentamente il suo debito. In seguito Madara lascia a guardia del giovane ninja lo Zetsu Bianco ed uno con forma a spirale (Zetsu Spirale per comodità) per aiutarlo nella riabilitazione così da potergli essere utile non appena sveglio. Dopo il ritorno di Obito al covo, così come aveva predetto, Madara è contento della sincerità del giovane nel seguire i suoi ideali e lo intrappola in un genjutsu dove gli racconta dell'Eremita delle Sei Vie della Trasmigrazione e del Decacoda. Gli racconta di come ha risvegliato il Rinnegan, garantendosi l'accesso al contenitore vuoto del Decacoda e della coltivazione delle cellule di Hashirama. Gli insegna molte tecniche proibite degli Uchiha, del Rinnegan e dell'Arte Yin-Yang. Prima di morire crea inoltre lo Zetsu Nero inserendo la sua coscienza nello Zetsu Bianco e parte della sua volonta nei recettori di chakra che si stagliano dalla Statua. Dopo aver fatto tutto, Madara si stacca dalla Statua e con le sue ultime parole dice ad Obito di aver cura del suo nome fino al momento della sua resurrezione.

Obito, sotto l'identità di Tobi, comicia così ad agire col nome di Madara indossando una maschera e grazie alle sue conoscenze sulla vità ed i fatti di Madara, riesce a far credere a chiunque di essere il ninja leggendario. Tuttavia, grazie alle ricerche compiute da Orochimaru, Kabuto scoprì la verità sulla vita di Madara dopo la sua "morte" e riportandolo in vita per ricattare Tobi per farsi aiutare durante l'imminente guerra.

Quarta Guerra Mondiale Ninja

Prima dello scoppio della guerra, Kabuto Yakushi
Madara resuscitato dal Edo Tensei.jpg

Madara resuscitato dall Edo Tensei

resuscita, grazie alla tecnica dell'Edo Tensei, Madara Uchiha, presentandolo come l'asso nella manica con il quale induce Tobi, che per lungo tempo aveva fatto credere di essere lo stesso Madara per indurre le Cinque Grandi Terre alla guerra, ad allearsi con lui.

A guerra inoltrata, a sorpresa, Kabuto, tramite Mu, evoca la bara contenente il corpo di Madara per sbloccare la situazione dell'Akatsuki perchè con l'arrivo di Naruto la guerra era in procinto di esser vinta dall' Alleanza degli Shinobi. Una volta risvegliato, Madara presume che Nagato abbia finalmente usato il Gedo Rinne Tensei per riportarlo in vita; ma Mu lo informa che in realtà è in vita grazie all'Edo Tensei. Notando il coprifronte dell'alleanza, Madara chiede chi sia l'utilizzatore dell'Edo Tensei, e in risposta Kabuto prende il controllo di Mu informando Madara che era stato resuscitato più forte di prima. Madara chiede a Kabuto quanto in realtà sà sulle proprie capacità ed egli, ammettendo di non saper niente, gli chiede una dimostrazione.

Avendo pieno controllo sui suoi movimenti, Madara si appresta ad affrontare la Quarta Divisione, Gaara, Onoki ed una copia di Naruto. Si dimostra subito un avversario estremamente potente tanto da lanciare una tecnica di fuoco molto più potente della Palla di Fuoco Suprema, per poi uccidere vari ninja solo con una spada. Durante un attacco di Naruto dall'alto rafforzato da Onoki dal basso, Madara attiva il suo Sharingan Ipnotico Eterno usando Susanoo come scudo per salvarsi, Gaara però riesce ad estrarre Madara dalla gabbia del Susanoo ed a metterlo in linea con il Rasen-Shuriken di Naruto. Madara attiva il Rinnegan nei suoi occhi e grazie ai poteri del Mondo dei Preta, assorbe la tecnica di Naruto; in seguito evoca due enormi meteoriti dal cielo. La prima meteora viene bloccata da Onoki, ma lo Tsuchikage non riesce a respingere anche la seconda che devasta il suolo e l'alleanza. Dopo aver usato questa tecnica Madara prova ad evocare la Volpe a Nove Code e non riuscendoci viene informato da Kabuto che essa è sigillata dentro Naruto. Informato poi dell'appartenenza di Naruto al Clan Uzumaki, Madara usa la Tecnica Segreta della Crescita Rigogliosa che viene contrastata da Naruto potenziato dalla Volpe.

Allo scontro si aggiungono Mei Terumi, Tsunade e A ed insieme i Cinque Kage si apprestano ad affrontare Madara, che viene messo non troppo in difficoltà dalle strategie combinate dei Kage. Durante la battaglia si scopre che sul petto di Madara è presente il volto di Hashirama, il che spiega la sua capacità nell'usare l'Arte del Legno, e, presumendo l'appartenenza di Tsunade al clan Senju, la schernisce poichè non possiede né l'Arte del Legno né le arti mediche del suo antico rivale, ma viene zittito dalla donna che dice di aver ereditato qualcosa di molto più importante: la Volontà del fuoco.

Riconoscendo la vera forza dei suoi avversari, avversari all'altezza del titolo di Kage, Madara decide di ricompensarli mostrando la sua vera potenza, il Susanoo Perfetto che dimostra di essere superiore perfino ai Cercoteri. Madara rischia però di sparire quando l'Edo Tensei viene annullato, ma mentre la sua anima sta per lasciare il mondo terreno Madara riesce a spezzare il contratto di richiamo dell'Edo Tensei, unico vero punto debole della tecnica. Così ottiene un corpo immortale, con il chakra che non si esaurisce mai, e soprattutto non può più essere controllato. A questo punto Madara decide di catturare la Volpe, ma Onoki lo blocca. Nonostante tutto, Madara riesce a sfuggire ai Kage raggiungendo Obito e notando che si è "divertito molto". Quando Naruto domanda dei Kage, si viene a scoprire che Madara li ha ridotti tutti in fin di vita, con ferite molto gravi, Tsunade è stata persino tagliata in due.

In seguito Hashirama Senju, il suo storico rivale, ritornerà in vita assieme ai precedenti hokage tramite edo tensei utilizzato da Orochimaru,Madara in questo frangente si troverà a suo agio volendo appositamente ingaggiare battaglia contro il suo rivale Hashirama. Tuttavia ad un certo punto tenterà di diventare la forza portante del dieci code attraverso Obito Uchiha, rivelando una parte di zetsu nera dormiente nel corpo di quest'ultimo che Madara innesto dentro il ragazzo molti anni prima allo scopo di controllarne il corpo e i movimenti per farli compiere forzatamente i sigilli del rinne tensei. Madara per diventare forza portante necessitava di un corpo vivo in carne e ossa cosa che il suo attuale corpo non era essendo un corpo di edo tensei,Obito sfortunatamente riuscirà a ribellarsi dal controllo che la parte nera esercita sul suo corpo compiendo invece i sigilli per diventare forza portante del dieci code al posto di Madara. Anche di fronte a questo inatteso evento Madara non sembrerà comunque perdere la calma e anzi conserverà una certa sicurezza pur rendendosi conto che l'enorme potenza di Obito sia senza dubbio superiore alla sua.Tuttavia dopo una lunga battaglia contro l'alleanza, Naruto riesce a far uscire dal corpo di Obito tutti i Bijuu con i quali l'Uchiha si era servito per diventare la forza portante, ormai ridotto quasi in fin di vita decide di utilizzare il Rinne Tensei per resuscitare tutte le vittime che ha causato in guerra, come fece in precedenza Nagato, ma viene fermato dallo Zetsu Nero che dopo aver assunto il pieno controllo su di lui usa questa tecnica proibita per resuscitare Madara Uchiha. Una volta resuscitato Madara sembra essere al massimo della sua forza tanto che dopo essere stato colpito in pieno da una potente Amateratsu di Sasuke il suo corpo ne è uscito completamente illeso, tuttavia sembra aver perso l'uso del Rinnegan e dello Sharingan e stando a quanto ha detto deve attendere un pò prima che i suoi occhi si riattivino. In seguto egli attacca subito Hashirama, immobilizzandolo con dei paletti neri, impadronendosi della modalità eremitica dei Senju, dicendo al vecchio rivale che ora che egli è in grado di dominare sia il potere degli Uchiha che dei Senju e di aver raggiunto l'estasi. Viene di nuovo attaccato da Sasuke il quale riesce a trapassargli il braccio destro con la sua katana ma senza risultato in quanto Madara scaglia subito un potentissimo Katon che spazza via tutti i nemici intorno a lui. Dopo che la ferita al braccio destro causata da Sasuke si è rimarginata grazie evidentemente all'enorme quantità di chakra, sposta la sua attenzione verso i Bijuu, sicuramente intenzionato a catturarli tutti diventando la nuova forza portante dato che ora possiede un corpo vivente. A questo punto attacca i Bijuu ma viene contrattaccato a sua volta da tutti i cercoteri che lo feriscono gravemente facendogli perdere il braccio destro ma riesce ugualmente a rimettersi in piedi ed escogitare un nuovo modo per battere le bestie e ad un tratto fa la sua comparsa lo Zetsu Bianco il quale ha con se il Rinnegan dell'occhio destro e lo consegna a Madara che gli mutila l'intero braccio destro e se lo rimpiazza a quello che aveva perso in battaglia contro i Bijuu, dopo di che si trapianta l'occhio nella parte destra del suo volto. Ora che ha finalmente riacquistato la vista e l'uso del suo occhio leggendario ha di nuovo incrementato la sua forza e si guadagna un punto in più verso la conquista del suo obiettivo. Madara rilascia il Kuchiyose No Jutsu evocando la statua demoniaca, e tramite un potentissimo attacco chiamato Rinbu Hengoku mette KO tutti i Bijuu e rilascia le catene infernali per trascinarli all'interno del contenitore della statua e a questo punto gli rimane soltanto di prelevare il Kyuubi e l'Hachibi dalle loro rispettive forze portanti ovvero da Naruto e Killer Bee. Dopo un tiro alla fune Madara riesce a strappare i due cercoteri dalle loro forze portanti e Naruto sviene rimanendo in fin di vita. In seguito Madara viene attaccato da Tobirama il quale viene subito sconfitto ed immobilizzato facilmente dall'Uchiha. Sasuke tenta nuovamente di attaccare Madara ma fallisce miseramente un'altra volta, ma in questa occasione in modo tragico in quanto egli viene trapassato al cuore dalla sua stessa spada dall'Uchiha leggendario e viene ridotto in fin di vita ad un passo dalla morte. In seguito Madara evoca il Juubi e ne diventa la forza portante e si dirige subito da Obito, Minato e Kakashi intenzionato a recuperare il Rinnegan sinistro. Per sua sfortuna, Obito resiste allo Zetsu nero, non consegnanogli lìocchio. Oltretutto riesce a estrargli parte del chakra dell'Ottacoda e del Monocoda, che poi inserirà in Naruto (insieme alla parte della Volpe di Minato assorbita dallo Zetsu), scappando nell'altra dimensione grazie ad un'azione combinata del suo Kamui con quello di Kakashi . Madara viene successivamente affrontato da Gai, il quale si sacrifica poiché l'unico in grado di infiggergli danni. Con l'apertura delle Otto porte, Madara si trova in seria difficoltà: viene più volte gravemente danneggiato. Tuttavia si rigenera in fretta; ringrazia Gai per averlo "intrattenuto". Ricompare poi Naruto, il quale, con i nuovi poteri datogli dall'Eremita delle Sei Vie, crea un Rasen Shuriken con l'Arte della Lava di Son Goku, che lo taglia a metà insieme all'abero divino. Madara assorbe poi l'albero, facendo presumere che gli sia cresciuto un terzo Rinnegan sulla fronte, proprio come all'Eremita. Affronta poi Naruto e Sasuke conteporaneamente, spiazzandoli con la tecnica del clone d'ombra del limbo, visibile al giovane Uchiha (per il suo Rinnegan), e percepibile a Naruto. Quando i due pensavano di aver intrappolato il vero Madara, lui scatta via, dirigendosi verso Kakashi. Con uno scatto fulmineo gli strappa lo Sharingan e se lo impianta nella cavità oculare vuota. Raggiunto da Sasuke, viene tagliato a metà; tuttavia, si teletrasporta nella dimensione dove si trovano Obito e Sakura, con l'intento di fermare quest'ultima, poiché sta per distruggere il Rinnegan di Obito. Madara lancia un bastone dell'eremita, che avrebbe ucciso o immobilizzato Sakura; tuttavia il colpo è reso vano da Obito, che teletrasporta la ragazza dalla dimensione del Kamui a quella reale. Madara agguanta l'Uchiha, e gli spiega che in passato aveva posto un sigillo, chiamato Sigillo del Burattinaio, sia su di lui che su Rin, e che la morte di quest'ultima era un suo piano per far si che il sigillo si attivasse, rendendo Obito suo schiavo. Egli dunque si avvicina al Rinnegan per impossessarsene, e si teletrasporta di nuovo nella dimensione reale, dove il team 7 lo sta aspettando. Appare con il Rinnegan in entrambi gli occhi ed insieme ad un Obito Uchiha completamente posseduto dallo Zetsu Nero. Dopo aver ricevuto l' altro Rinnegan riesce a creare ben quattro copie con il suo Rinbo: Hengoku, le quali tengono impegnato Naruto mentre Sasuke e` intento a distruggere i Chibaku Tensei creati da Madara. Mentre tutti i suoi avversari sono impegnati, Madara indisturbato vola vicino alla luna e fa aprire il terzo occhio dell' Eremita sulla sua fronte. Quest' occhio gli servirà per dare il via allo Tsukuyomi Infinito.

Ma proprio quando sta per dare vita allo Tsukuyomi Infinito, lo Zetsu Nero lo tradisce, rivelando essere un figlio di Kaguya così Madara assume le sue sembianze, e dopo un estenuante battaglia contro il Team Sette (per i dettagli, dovrebbero essere presenti in un eventuale pagina di Kaguya) Kaguya perde, e il decacoda si divide in tutti i Bijuu. Il corpo di Madara riprende le sue sembianze, ma ormai è condannato, perchè è una forza portante senza Bijuu, muore dando l'ultimo addio con Hashirama, che viene rilasciato insieme agli altri Hokage.

Capacità Ninja

Tengai Shinsei.png

Il potere di Madara può essere paragonato a quello di un dio.

Madara Uchiha è stato uno dei ninja più dotati che siano mai esistiti, riconosciuto come il più forte membro del Clan Uchiha. Un bambino prodigio, che uccise numerosi adulti del Clan Senju prima di risvegliare il suo Sharingan. La storia lo ricorda per la sua rivalità con Hashirama Senju, un "Dio degli Shinobi", che lo spingerà ai suoi limiti assoluti. Quando Obito ha iniziato ad operare sotto il nome di Madara, la paura del potere dell'Uchiha ha forzato i Cinque Grandi Paesi Ninja e la terra neutra del Paese del Ferro a formare un'alleanza progredendo alla Quarta Guerra Mondiale Ninja. Dopo il suo ritorno dalla morte, Madara era abbastanza potente per sconfiggere i Cinque Kage, per poi passare anche ai Cercoteri dopo aver assorbito il chakra del Senjutsu di Hashirama.

Chakra e Prestanza Fisica

Madara è nato con un potente Chakra, descritto come sporco e malvagio sia dal Nove Code che da Tobirama Senju. Questo è in parte perché ha ereditato il Chakra di Indra. Le sue grandi riserve di Chakra gli permisero di lottare senza sosta per ventiquattro ore prima di crollare, e nella sua vecchiaia riesce ad evocare la Statua Diabolica dalla sua gabbia nella Luna. E' stato abile nel controllo del Chakra, potendo utilizzare sigilli con una sola mano per complicate tecniche. Inoltre poteva anche assorbire e sincronizzare rapidamente il Senjutsu dentro di sé, pur non avendo alcuna formazione preventiva in Senjutsu. 

Anche se usa principalmente il Ninjutsu, Madara era notevolmente abile nel Taijutsu. Durante il suo confronto con la Quarta Divisione, sconfisse centinaia di avversari con il Taijutsu, disarmando e schivando attacchi da tutte le direzioni. Poteva colpire con precisione il suo avversario prima che egli potesse reagire, e sopraffare individui il doppio di lui. E' stato abbastanza veloce per attaccare Naruto in Modalità Eremitica, e con il Chakra del Senjutsu, schivò anche il Taglio del Dio del Fumine senza guardare. Durante l'uso del Chakra del Senjutsu, Madara aveva una tolleranza al dolore molto alta, infatti non indietreggiò né all'attacco dei Cercoteri né della perdita del suo braccio. 

Modificazioni del Corpo

Quando Madara è stato reincarnato, Kabuto Yakushi lo ha modificò in modo da essere "Il primo al di sopra del suo fisico e combattimento". Le abilità che aveva in vecchia età si ripresentavano nel suo corpo più giovane. Inoltre, una pallida replica della faccia di Hashirama si presentava sulla regione pettorale sinistra di Madara, che gli permetteva di guarire le maggior parte di ferite in pochi secondi. Per le lesioni gravi, come l'amputazione, Madara poté sostituire il suo arto con il materiale di uno Zetsu Bianco. Parzialmente derivanti dalle cellule di Hashirama, Madara guadagnò abbastanza forza vitale da non morire quando i Cercoteri e la Statua Diabolica gli furono estratti dal corpo.

Finora gli elementi con cui è piu abile sono il fuoco e il legno, è in grado di utilizzare la tecnica dell'arte del fuoco denominata Gouka Mekkyaku che consiste in una palla di fuoco di enormi dimensioni tanto che risulta essere grande circa dieci volte un Bijuu,lo si vede quando è messa a paragone nello sfondo con il nove code e l'ottocode.

Tale tecnica è una notevole risorsa poichè per via delle dimensione ha un raggio d'azione vastissimo ed è dunque difficile schivarla in tempo se non si dispone di tecniche difensive acquatiche o di terra, in caso contrario ci si puo trovare in serie difficoltà.

Madara con l'arte del legno è in grado di essere insidiosissimo attaccando a distanza con diverse tecniche e potendo all'occorrenza sopprimere il chakra dei bijuu,oltre a questo è capace di creare dei cloni di legno che possono diversamente da quelli normali replicare le abilità innate come lo Sharingan.

Madara, grazie allo sharingan ipnotico possiede inoltre la tecnica del Susanoo in 5 stadi differenti che aumentano di dimensioni e potenza a seconda della forma assunta, nelle forme intermedie come tutti i Susanoo dispone delle armi di base come spade di chakra e yasaka no magatama inoltre puo utilizzare una tecnica denominata anche Tengai Shinsei che consiste nel lanciare un meteorite di enormi dimensioni sul campo di battaglia, tale tecnica ha un potere distruttivo tale da poter radere al suolo un villaggio ed è una delle tecniche piu potenti del manga in assoluto, oltre a questo man mano che aumenta di stadio il Susanoo acquisisce difesa,forza e resistenza sempre piu ampie. Lo stadio piu potente è il quinto con cui il suo Susanoo diventa enorme e di dimensioni pari a quelle dei bijuu, possiede inoltre un arma peculiare una spada di chakra a forma di katana con cui è in grado di tagliare a metà una montagna con un solo fendente, dunque un arma notevolmente potente e affilata da un grande potere distruttivo.

Oltre a questo quando Madara controlla coi genjutsu i bijuu e in grado di disporre il Susanoo in questa forma attorno al bijuu controllato rivestendolo come un armatura e adattandone la forma in maniera omogenea. Cio li permette di poter raggiungere un potere di distruzione ancora maggiore. Il suo Susanoo inoltre all'occorenza puo manifestare delle gambe, L'Uchiha creando un numero spropositato di cloni di legno fece in modo che questi potessero replicare l'abilità innata dello Sharingan ipnotico e con essa il Susanoo.I Susanoo dei cloni in questione potevano disporre inoltre di un paio di gambe per muoversi piu agevolmente. Grazie a questa combinazione Madara puo disporre di un esercito di cloni e Susanoo difficilmente fronteggiabili dagli avversari in quanto gia un singolo Susanoo è molto potente.

Madara ha inoltre l'abilità unica di poter usufruire in entrambi gli occhi del Rinnegan e dello Sharingan ipnotico eterno,cio gli permette di alternare e combinare le due abilità oculari, diversamente da Obito e Nagato che non possono far assumere al Rinnegan la forma di sharingan ipnotico disponendo dunque di risorse minori. Del Rinnegan Madara ha finora manifestato L'abilità del sigillo assorbi tecniche del mondo dei preta,tuttavia essendo il possessore originale del Rinnegan è logico supporre che possa utilizzarne tutte le abilità e poteri correlati proprio come faceva Nagato.
File:Terzo occhio di Madara.jpg

Madara e`riuscito a sviluppare l' occhio del Shinju grazie al potere dell' Eremita delle sei vie della trasmigrazione e le conoscenze apprese dalla stele degli Uchiha.

Note

  1. Sha no Sho, pag. 48
  2. 2,0 2,1 Jin no Sho, pag. 58-63
  3. Cap. 510, pag. 12
  4. [[|Cap. 678]], pag. 13
  5. Cap. 602, pag. 9

Inoltre su Fandom

Wiki a caso