Fandom

NarutoPedia

Statua Diabolica

1 887pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Statua Diabolica
Gedo Mazo.png
(外道魔像, Gedō Mazō)
Statua del Sigillo (封印像, Fūinzō)[1]
Debutto
Manga Naruto capitolo 254
Anime Naruto Shippuden episodio 10
Doppiatori
Informazioni
Stato Incapacitato
Famiglia
Famiglia Decacoda (forma originale)

La Statua Diabolica del Mondo Esteriore è una creatura di dimensioni titaniche che in passato era il corpo della Decacoda. Sigillato nella luna dall'Eremita delle Sei Vie della Trasmigrazione, il corpo verrà poi liberato da Madara Uchiha dopo che questi ha risvegliato il Rinnegan.[2]

Aspetto

La Statua si presenza come un mostro umanoide, con la bocca irta di denti affilati e delle protuberanze dall'aspetto legnoso sulla schiena. Inizalmente, una benda gli copre il volto, nascondendo nove occhi in ognuno dei quali si trova una pupilla in caso di presenza di un particolare Cercoterio. Quando non combatte, la Statua ha le mani e i piedi legati da manette. Dopo che Obito Uchiha ha iniziato il processo di resurrezione della Decacoda, la Statua inizia a trasformarsi nel mostro, con gli occhi che sanguinano, la bocca che si allarga e le protuberanze sulla schiena che si deformano.

Abilità

Pur essendo solo ciò che era rimasto della Decacoda dopo che il suo chakra era stato diviso nei nove Cercoteri, la Statua è comunque molto potente, tanto da poter sterminare un intero drappello di ninja emettendo dalla bocca un drago etereo che risucchia le anime di chi lo tocca. La Statua può essere evocata solo da coloro che possiedono DNA sia Uchiha sia Senju, la cui unione talvolta confluisce nel Rinnegan.[3]

Possiede la capacità di emettere fulmini dalle sue protuberanze, capaci di distruggere qualunque cosa, e può emettere onde d'urto capaci di respingere due ninja come Choza Akimichi e suo figlio Choji nelle loro forme colossali.[4] Dalla bocca le escono dei draghi eterei, che risucchiano le anime di qualunque essere vivente; nel caso dei Cercoteri, il tempo richiesto per estrarli è tre giorni, e solo con l'aiuto di almeno nove ninja.[5]

Storia

Dopo che l'Eremita delle Sei Vie sigillò il corpo della Decacoda nella luna col Chibaku Tensei, passarono molti secoli prima che il Rinnegan si manifestasse di nuovo, questa volta in Madara Uchiha. Egli, ormai morente, riuscirà a spezzare il sigillo imposto dall'Eremita sul mostro e a richiamarlo sulla terra, battezzandola come la Stauta Diabolica del Mondo Esteriore. In seguito, l'Uchiha userà la Statua per coltivare gli Zetsu e allungare la propria vita collegandosi ad essa.[6]

Prima di morire, Madara passerà a Obito Uchiha il suo ideale del piano dell'Occhio di Luna. Poco tempo dopo, Nagato, a cui Madara aveva trapiantato il Rinnegan, evocherà la Statua in un moto di rabbia per la morte del suo amico Yahiko, e deciderà di usarla per riunire i nove Cercoteri, guidato da Obito.[7]

Prima della Quarta Grande Guerra Ninja, la Statua ha già riunito sette dei nove Cercoteri. Obito, ansioso di completare il piano dell'Occhio Lunare, dichiara guerra alle Cinque Grandi Terre per spingerli a mandare in prima linea l'Ottacoda e l'Enneacoda in modo da catturarli. Tuttavia, Naruto Uzumaki spinge Obito a completare il piano prima del previsto, facendo ingerire alla Statua dei frammenti di chakra dell'Ottacoda e dell'Enneacoda piuttosto che l'intera quantità. Così la Statua inizia a trasformarsi nella Decacoda, pur in forma incompleta. Killer Bee e Naruto cercheranno di fermare il rito di resurrezione, ma neanche una Teriosfera di dimensioni titaniche impedirà alla Decacoda di risvegliarsi.Dopo essere risorto il decacoda provocherà numerose vittime e poi infine verrà assorbito da Obito che lo ritrasformerà nell'Albero Divino verrà assorbito poi da Madara che assorbirà anche l'Albero Divino.Si scoprirà che il decacoda è in realtà la prigione dell'anima di Kaguya Ootsutsuki che è resuscita dopo che Madara attiva lo Tsukuyomi Infinito.Tornata in vita Kaguya affronterà Naruto e Sasuke per impedire che la sigillino. Durante la battaglia rivelerà loro la verità su di lei ma alla fine di una dura battaglia verrà sconfitta e sigillata dai due ragazzi.Appena compiuto il sigillo comincia a sgretolarsi e a regredire alla forma di decacoda e poi a quella di Statua Diabolica dove rimarrà coinvolta nell'impatto con il Chibaku tensei creato da Naruto e Sasuke che per finirla distruggeranno la stuatua in mille pezzi uccidendola per sempre.  [8]

guyaer ulteriori informazioni, andare alla pagina Decacoda.

Note

  1. To no Sho, pag. 198
  2. Naruto, capitolo 594, pag. 14
  3. Naruto, capitolo 606, pag. 15
  4. Naruto, capitolo 537, pag. 4-5
  5. Naruto, capitolo 255, pag. 3
  6. Naruto, capitolo 602, pag. 11
  7. Naruto, capitolo 447, pag. 8
  8. Naruto, capitolo 609, pag. 16-17

Inoltre su Fandom

Wiki a caso